I Processi Aziendali

La famiglia Rebuli impegna 365 giorni l’anno alla conduzione dell’azienda.

Una volta che l’uva è giunta a maturazione inizia la vendemmia, l’uva viene portata in cantina dove viene ammostata e parte la fermentazione alcolica a tempratura controllata avviata da lievito indigeno ch durante la mostatura si trasmette dall’uva al mosto.

Dopo un periodo di circa 10 giorni, a fermentazione ultimata, avviene il periodo dei travasi per eliminare il lievito ormai morto cosi da eliminare il rischio di odori sgradevoli possibili trasmesssi al vino.

Segue poi la fase di stasi fino alla settimana di pasqua, caratterizzata dai primi tepori primaverili, dove il vino, come tradizione vuole, viene imbottigliato

In bottiglia, il lievito vivo reduce dei travasi (lies o fecce fini) fa avvenire la rifermentazione dando origine al sur lie (letteralmente “col fondo”).
La tradizione di famiglia vuole che la prima bottiglia finita venga stappata dal mese di Settembre, quindi giusto dopo un anno dalla sua vendemmia; in questo modo si possono apprezzare al meglio tutte le sue caratteristiche organolettiche.